Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
lun 05 dicembre 2016
LINEA DIRETTA | RISTORAZIONE

La Confraternita della torta e del tortel de patate

Fondata nel 1998 a Sporminore (Tn), si propone di tener viva e diffondere la conoscenza di questa antica ricetta trentina, fatta di pochi e semplici ingredienti ma di inimitabile bontà
 
Tutto ha inizio il 27 maggio 1998, a Sporminore, in provincia di Trento. La scintilla si accende durante una cena tra amici, grandi appassionati di buona cucina e storia locale. Si discute di gastronomia, di specialità della zona, si confrontano le diverse ricette, e alla fine tutti concordano che il piatto più conosciuto e interprete fedele della tradizione è senz'altro la torta (e il tortel) di patate. Piatto che però stava andando verso un inesorabile declino.
Ma perdere questa genuina, e nello stesso tempo meravigliosa pietanza, fatta di patate, olio, sale e sapienza contadina, significava perdere anche un pezzo di storia trentina.
Ecco quindi che nasce l'idea di creare un sodalizio, appunto la Confraternita della torta e del tortel de patate, per tener viva la ricetta e divulgarla in Italia e anche all'estero. Una ricetta, tra l'altro, facile da eseguire, dagli ingredienti semplicissimi e, per la sua croccantezza e il sapore stuzzicante, vicina ai gusti di oggi. Ottima da mangiare così, anche con le mani, e perfetta da gustare come contorno, al posto del pane o della polenta, in abbinamento alle specialità trentine, come i salumi e i formaggi tipici.
A distanza di quindici anni anni dalla sua fondazione, la Confraternita della torta e del tortel de patate conta ben 290 associati presenti in tre diversi continenti.
«In questi anni ne abbiamo fatta di strada - commentano soddisfatti i confratelli -. Abbiamo proposto il tortel a persone provenienti da tutto il mondo compresi ministri, capi di stato, personalità dell'arte e della cultura. Inoltre abbiamo organizzato cene ed eventi per far conoscere questa nostra specialità che è parte di noi, della nostra storia».
Ma tanto lavoro è stato fatto anche nelle scuole, nelle mense, per trasmettere i segreti della preparazione e consigliare gli abbinamenti più gustosi, dalla carne secca, ai salumi, ai formaggi di malga. Risultato: non solo la torta di patate è oggi una delle specialità del Trentino più conosciute e richieste, ma è anche il piatto forte dei ristoranti più accreditati.


La ricetta
LA TORTA E IL TORTEL DE PATATE*

Per una buona riuscita della torta e del tortel de patate, tre sono le cose
fondamentali. La scelta delle patate (varietà consigliata la Kenebec-Majestic),
la grattugia a fori grossi di almeno 5 mm, la pentola, che deve essere di rame stagnata, come vuole la tradizione.

Ingredienti per 4 persone:
5 patate, sale, olio


Pelare e grattugiare le patate, togliere l'acqua anche con l'ausilio di uno scolapasta. Aggiungere sale quanto basta e mescolare il tutto.
Mettere 3 cucchiai di olio nella pentola riscaldata e spalmare l'impasto uniformemente, raggiungendo uno spessore massimo di 1,5 cm. Quindi infornare a 200-250 gradi per circa un'ora, comunque quando la torta ha preso un bel colore dorato e i bordi sono diventati marroncini. 
Nel caso del tortel, invece, la pentola va riscaldata a fuoco vivo. Con lo stesso impasto, ma di minore spessore, si formano delle piccole schiacciate, che vengono poi fritte in abbondante olio. 
L'abbinamento ideale è con i prodotti poveri ma ricchi di sapore della terra trentina
accompagnati da un buon bicchiere di vino nostrano.

* ricetta originale della Confraternita

LA FICE
La Fice, Federazione Italiana Circoli Enogastronomici, è la più importante associazione del settore, riunendo oltre 150 tra confraternite, sodalizi e circoli gastronomici indipendenti, accomunati dagli scopi di tutela e diffusione delle specialità del Bel Paese.
Fondata a Savona nel 1974, dal 2004 ha sede a Verona, presso l’Ente Autonomo Veronafiere.



Responsabile: Maria Teresa Frisa – EuropaNews Linea Diretta
Tutti i diritti riservati.
È vietato prelevare e riprodurre immagini e testi.

È permesso riprendere brevi citazioni, a condizione che sia indicata la fonte.


Linea diretta

Altri articoli
RISTORAZIONE | Le ricette di primavera
Le ricette di primavera
RISTORAZIONE | Confraternite Enogastronomiche
La Prioria del Rosso Conero
RISTORAZIONE | Confraternite enogastronomiche
La Baccheide di Milano